Cosa significa glamping?

Vi state chiedendo cosa significa glamping? Il termine glamping è un sostantivo maschile che significa “campeggio che offre sistemazioni dotate di ogni confort a prezzi contenuti”  Deriva dall’inglese <glam(our)>ovvero  fascino, malìa  irresistibile  e  (cam)ing.

Motivazioni

Ognuno di noi è portato ad avere una crescente attenzione verso le tematiche ambientali,  a causa  dell’aumento delle emissioni inquinanti, della quantità enorme di rifiuti prodotta dalla società dei consumi, e per l’esagerato espandersi delle città con nuove costruzioni.

Il verde, l’aria pulita e l’acqua limpida stanno diventando sempre più rare e quindi sempre più preziose  e ricercate.

Il contatto con la natura è un’esigenza di chi fugge dai centri  urbani, sempre più affollati e inquinati.

Molta gente, però, che si dichiara amante della natura, è restia ad andare in campeggio perché crede che accamparsi sia sinonimo di scomodità, sofferenza, forti dolori di schiena, punture di insetti e acqua fredda.

Quindi il campeggio tradizionale non piace a tutti, ma già da alcuni anni i “Glamping” hanno cominciato a farsi strada, collegandosi alla Green Philosophy, con proposte molto più comode e lussuose  dei soliti campeggi.

glamping

glamping

Dove fare glamping?

Questa esperienza – en plain air – ha avuto inizio in Sud Africa, dove i grandi spazi naturali hanno permesso di creare insediamenti turistici basati su un’architettura leggera e integrata, per  permettere all’ospite un contatto diretto e profondo con la natura, senza dimenticare servizi prestigiosi.

Da piccole postazioni, col tempo questo tipo di vacanza si è esteso un po’ ovunque, negli Stati Uniti, in Europa in particolare in Croazia, Spagna, Portogallo, Svizzera e anche in alcune regioni d’Italia.

Glaming significa, quindi, fare una vacanza in un ambiente ecologico, senza rinunciare ai confort. Gli alloggi possono essere  tende vere e proprie, ma anche case mobili, alloggi rurali ristrutturati  oppure case sugli alberi , igloo sulla neve o anche suggestivi gipsy caravans.

In Spagna, ad esempio, esistono capanne sugli alberi poste a 10 metri dal suolo, in cui tranquillità e intimità sono assicurate. Anche se in un primo momento le scale sembrano provocare le vertigini, lo sforzo è ricompensato dalla bellezza del luogo e non si vorrebbe più tornare con i piedi per terra.

A Malaga esiste un glamping con alloggi a forma di tenda: sono così comode che si può stare in piedi agevolmente: sembra di stare in un’oasi del Marocco, grazie non solo alle decorazioni delle tende, ma anche al giardino lussureggiante. Al centro, tra palme ed alberi da frutta, c’è una piscina spettacolare dove viene servita la colazione.

In Olanda c’è una tenda safari grande 45 mq che contiene un salone, la cucina dotata anche di microonde e la camera da letto: è adatta anche per bambini.

Chi sceglie il glamping?

Il Glamping è scelto da un turista eco colto, intraprendente e curioso, che non si affida ai pacchetti turistici, non ama i luoghi affollati, non cerca il lusso, ma il fascino e la raffinatezza. E’ uno sportivo che ama praticare traking, mountain bike, escursioni e andare a cavallo.  Inoltre  intende conoscere la cultura locale e i prodotti tipici.

Prezzi del glamping

I prezzi sono molto variabili a seconda della sistemazione, delle dotazioni e del periodo scelto: si va da poche decine a centinaia di euro a notte. In ogni caso gli alloggi si trovano in luoghi suggestivi, con paesaggi splendidi  e natura incontaminata, per una vacanza davvero fuori dal comune.

Vota l’articolo “glamping” qui: [yasr_visitor_votes size=”large”]