coniugazione verbi

Coniugazione verbi come evitare gli errori più comuni! [GUIDA 2021]

Coniugazione verbi: che cosa si intende?

Distinguiamo tre coniugazioni verbali

  • la prima coniugazione: esce in  –are (vocale tematica –a)
  • la seconda coniugazione: esce in –ere (vocale tematica –e)
  • la terza coniugazione: esce in  -ire (vocale tematica -i)

Per individuare la coniugazione, bisogna riportare il verbo all’infinito

Esempi:

correremo: correre = 2° coniugazione

andassero: andare = 1° coniugazione

giungere: giungere = 2° coniugazione

pettiniamo: pettinare = 1° coniugazione

scrisse: scrivere = 2° coniugazione

studiarono: studiare = 1° coniugazione

inquinando: inquinare = 1°coniugazione

assaliremo: assalire = 3° coniugazione

luciderai: lucidare = 1° coniugazione

coniugate: coniugare = 1° coniugazione

convinsero: convincere = 2° coniugazione

saremmo partiti: partire = 3° coniugazione

avrete preso: prendere = 2° coniugazione

essendo stati comprati: comprare = 1° coniugazione

raccogliete voi: raccogliere =2° coniugazione

Tutti i verbi regolari che hanno la stessa terminazione dell’infinito appartengono alla stessa coniugazione e si comportano allo stesso modo nella flessione dei modi e dei tempi.

Eccezioni!!!!

Dire  Fare, seguendo la declinazione latina -Dicere  e Facere appartengono alla 2° coniugazione.

Ricordiamo che

Essere e Avere  hanno coniugazione propria.


I modi del verbo possono essere finiti o indefiniti

I modi finiti danno l’indicazione della persona e del numero.

I modi finiti sono quattro

Indicativo: è il modo della realtà, della certezza. Serve ad indicare ciò che è vero, sicuro o è considerato tale.

Ha otto tempi, di cui quattro semplici e quattro composti.

Tempi semplici                                              Tempi composti             

  • presente: io pago ……………………..…….. passato prossimo: io ho pagato
  • imperfetto: io pagavo………………...   trapassato prossimo: io avevo pagato
  • passato remoto: io pagai…………………..trapassato remoto: io ebbi pagato
  • futuro semplice: io pagherò………..  futuro anteriore: io avrà pagato

Per non sbagliare

Spesso si sbaglia nel coniugare l’indicativo imperfetto:

Si dice: Credevamo o credavamo?  Si dice -credevamo–  perché l’infinito è credere = la vocale tematica è e, che rimane all’imperfetto.

Si dice: Studiavamo o studievamo?  Si dice – studiavamo– perché l’infinito è studiare

Si dice: Scrivevamo o scrivavamo? Si dice –scrivevamo– perché l’infinito è scrivere

Si dice: Arrivavamo o arrivevamo? Si dice -arrivavamo– perché l’infinito è arrivare

Inoltre

Si dice: io comincerò, io mangerò, io lascerò.………… é scomparsa la i di cominciare, mangiare, lasciare

Si dice: io finisco, tu finisci, egli finisce, noi finiamo, voi finite, essi finiscono. Si coniugano allo stesso modo: io agisco, io capisco, io costruisco, io ferisco, il fiore fiorisce, io guarisco, io impedisco, io patisco, io preferisco, io punisco, io rapisco, io tradisco, io unisco, 

Esempi di analisi grammaticale  

  • Lei prese il bicchiere che il marito le porgeva 

prese= voce del verbo prendere, 2° coniugazione, modo indicativo, tempo passato remoto, 3° persona singolare

porgeva = voce del verbo porgere, 2° coniugazione, modo indicativo, tempo imperfetto, 3° persona singolare

  • Ho messo in forno una torta di mele

ho messo = voce del verbo mettere, 2° coniugazione, modo indicativo, tempo passato prossimo, 1° persona singolare

  • Il televisore era acceso e guardammo la fine dello spettacolo.

era acceso= voce del verbo accendere, 2° coniugazione, modo indicativo, tempo trapassato prossimo, 3° persona singolare

guardammo= voce del verbo guardare, 1° coniugazione, modo indicativo, tempo passato remoto, 1° persona plurale

  • Dopo che ebbero mangiato la pizza, ordinarono un dolce.

ebbero mangiato= voce del verbo mangiare, 1° coniugazione, modo indicativo, tempo trapassato remoto, 3° persona plurale

ordinarono= voce del verbo ordinare, 1° coniugazione, modo indicativo, tempo passato remoto, 3° persona plurale

  • Enrico all’esame otterrà ottimi risultati.

otterrà= voce del verbo ottenere, 2° coniugazione, modo indicativo, tempo futuro semplice, 3° persona singolare

 


Modo congiuntivo: è il modo dell’incertezza, del dubbio, dell’eventualità

Tempi semplici                                                              Tempi composti

presente: che io legga…………………………………….   passato:     che io abbia letto

imperfetto: che io leggessi………………………………..trapassato: che io avessi letto


E’ bene ricordare che il congiuntivo presente ha desinenze diverse a seconda della coniugazione

1° coniugazione: che io ami, che io lodi, che io sogni, che io presti, che io chiami, che io giochi, che io bagni, che noi bagniamo, che voi bagniate, che essi veglino, che essi mischino.

2° coniugazione: che io tema, che io prenda, che egli dorma, che tu scriva, che io veda, che io legga, che io corra, che io ceda, che io sconfigga, che essi scendano, che voi tentiate, che noi spegniamo, che voi spegniate.

3° coniugazione: che io serva, che tu serva, che noi serviamo, che io sostituisca, che voi eseguiate, che egli cucia,che noi cuociamo.

congiuntivo presente del verbo guarire: che io guarisca, che tu guarisca, che egli guarisca, che noi guariamo, che voi guariate, che essi guariscano.  Si coniugano allo stesso modo: io agisco, io capisco, io costruisco, io ferisco, il fiore fiorisce, io guarisco, io impedisco, io patisco, io preferisco, io punisco, io rapisco, io tradisco, io unisco, 

Errori nell’uso del congiuntivo quando esprime un comando

Non si dice…………………………………………………………………………….Si dice

  • venghi avanti                                                                                 venga avanti
  • facci presto                                                                                    faccia presto
  • dichi la verità                                                                                dica la verità
  • prendi il biglietto                                                                         prenda il biglietto avanti
  • sii veloce                                                                                         sia veloce
  • vadi avanti                                                                                     vada avanti

Nell’italiano parlato in alcune zone d’Italia si usa il congiuntivo imperfetto al posto del presente nelle esortazioni: è un errore.

Non si dice……………………………………………………………………………Si dice

  • entrasse pure                                                                                 entri pure
  • si accomodassero                                                                         si accomodino
  • ci pensasse per tempo                                                                 ci pensi per tempo
  • salisse in casa                                                                                salga in casa
  • facesse con comodo                                                                     faccia con comodo
  • pagassero il conto                                                                        paghino il conto

Sempre più spesso, sia all’orale che allo scritto, l’indicativo sostituisce il congiuntivo

Sbagliato………………………………………….Corretto

Pensi davvero che sono uno sciocco? = Pensi davvero che sia

Mi pare che avete già risolto tutto da soli. = Mi pare  che abbiate

Sono convinto che lo sapevi, ma non l’hai detto. =Sono convinta  che lo sapessi

Ho pensato che il cane ha sentito il rumore.  = Ho pensato che il cane  abbia sentito

E’ necessario che telefonate a Sara. = E’ necessario che telefoniate

Esempi di analisi grammaticale del congiuntivo

  • Tutti gli alunni speravano che il professore assegnasse pochi compiti.

 Assegnasse = voce del verbo assegnare, 1° coniugazione, modo congiuntivo, tempo imperfetto 3° persona singolare

  • Molti pensano che io abbia vinto la lotteria, ma non è vero.

Che io abbia vinto = voce del verbo vincere, 2° coniugazione, modo congiuntivo, tempo passato, 1° persona singolare

  • Se il figlio avesse parlato con sincerità, la madre l’avrebbe perdonato.

Avesse parlato = voce del verbo parlare, 1° coniugazione, modo congiuntivo, tempo trapassato, 3° persona singolare

  • E’ probabile che Luca venga domani.                                                           

 Che venga = voce del verbo venire, 3° coniugazione, modo congiuntivo, tempo presente, 3° persona singolare

Non sbagliare: si dice

dessi   e non dassi: che io dessi, che tu dessi, che egli desse, che noi dessimo, che voi deste, che essi dessero

stessi e non stassi: che io stessi, che tu stessi, che egli stesse, che noi stessimo, che voi steste, che essi stessero

Esempi

Ero convinto che tu stessi dormendo

Mi chiedevo chi ti desse la forza di essere così veloce.


Coniugazione verbi: Modo condizionale

Il modo condizionale esprime un’azione che è possibile o realizzabile soltanto se si verificano prima determinate condizioni. E’ il modo dell’incertezza e della possibilità.

Il condizionale ha due tempi

Tempi semplici                                                                                           Tempi composti

Presente= io leggerei…………………………………………………………………..Passato = io avrei letto


Esempi

Se avessimo i sodi, compreremmo una bicicletta nuova.

Avrei mangiato anche due fette di torta, ma mi sentivo già sazio.

Le dissi che sarei andato da lei subito.

Vorrei che tu fossi più puntuale.

  • Ricorda che nella frase che ha un – se – che indica una condizione o un’ipotesi,  non si mette il condizionale, ma il congiuntivo.

Errori nell’uso del condizionale

si dice…..………………………………………………………………………………….. non si dice                                                                                      

Se tu venissi con me, mi fareste un piacere                                                                                            Se tu verresti con me, mi faresti un piacere

Se fosse venuto, si sarebbe divertito                                                                                                      Se sarebbe  venuto, si sarebbe divertito

Se avessero  studiato, sarebbero stati promossi.                                                                                 Se avrebbero studiato, sarebbero stati promossi

Se non aveste detto bugie, ora non sareste puniti.                                                                               Se non avreste detto bugie, ora non sareste puniti.

Marco sarebbe felice, se potesse uscire di sera.                                                                                    Marco sarebbe felice se potrebbe uscire di sera.

Se lo vedessi, gli parlerei                                                                                                                             Se lo vedrei, gli parlerei

Se fosse venuto, si sarebbe divertito                                                                                                        Se sarebbe venuto, si sarebbe divertito

        –  Attenzione: se il  -se – è interrogativo, vuole il condizionale

Dimmi se verresti volentieri con me = condizionale

Nei suoi panni, non so se lo farei = condizionale

Domandati se non sarebbe meglio rinunciare = condizionale

Se non aveste detto bugie, ora non sareste puniti.= condizionale


Esempi di analisi grammatica

  • Se fosse stato per me, Mario sarebbe venuto.

fosse stato = voce verbo essere, coniugazione propria, modo congiuntivo passato, 3° persona singolare.

sarebbe venuto = voce verbo venire, 3° coniugazione, modo condizionale, tempo passato, 3° persona singolare

  • Chissà che cosa capiterebbe se piovesse.

capiterebbe = voce verbo capitare, 1° coniugazione, modo condizionale, tempo presente, 3° persona singolare

piovesse = voce verbo piovere, 2° coniugazione, modo congiuntivo, tempo imperfetto, 3° persona singolare

  • Avrei eseguito qualsiasi ordine se mi avesse promesso un lavoro.

avrei eseguito = voce verbo eseguire, 3° coniugazione, modo condizionale, tempo passato, 1° persona singolare

avesse promesso = voce verbo promettere, 2° coniugazione, modo congiuntivo, tempo trapassato, 3° persona singolare


Coniugazione verbi – Modo imperativo

Il modo imperativo esprime un ordine, un divieto, un’esortazione, un consiglio.

Tempo 

Presente con solo 2 persone: tu e voi

Leggi! (tu)    Leggete! (voi)

Per le altre persone si usano le forme del congiuntivo presente, che viene chiamato – congiuntivo esortativo.

Esempio

Leggi tu ( imperativo),-  legga Mattia( congiuntivo)- leggiamo tutti (congiuntivo)-  leggete voi (imperativo)-  leggano i maschi (congiuntivo)

Come si esprime un ordine negativo? -Non-  davanti all’infinito del verbo per la 2° persona singolare,  per le altre persone il – non – precede il congiuntivo o l’imperativo.

Mattia, non leggere (tu)

voi due, non leggete (voi)

non leggiamo e non scriviamo (noi)

ora non leggano i maschi (essi)

Esempi di analisi grammaticale

Finisci di mangiare!

  • finisci = voce verbo finire 3° coniugazione, modo imperativo, tempo presente 2° persona singolare

Mangiate in fretta!

  • mangiate = voce verbo mangiare, 1° coniugazione, modo imperativo, tempo presente, 2° persona plurale

Non bevete quella bibita ghiacciata!

  • bevete = voce verbo bere, 2° coniugazione, modo imperativo, tempo presente, 2° persona plurale

    Modi indefiniti : infinito, participio, gerundio

 Infinito

tempo presente = leggere                    tempo passato = avere letto

 

Participio

tempo presente = leggente, amante    tempo passato = letto, amato

 

Gerundio

tempo presente = leggendo                    tempo passato = avendo letto


Modo infinito

Il modo infinito esprime un’azione in modo impreciso, senza indicarne il soggetto. Per questo motivo non ha numero, né persona.

 

L’infinito presente indica un’azione contemporanea o posteriore (che avverrà dopo) rispetto a quello della reggente.

Esempi

  • Penso di leggere bene.(azione contemporanea) Pensavo di leggere bene. (azione contemporanea)  Penso di partire nel pomeriggio (azione futura) Pensavo di partire nel pomeriggio (azione futura)

L’infinito passato esprime un fatto anteriore (che è avvenuto prima) rispetto a quello della reggente

Esempi

  • Penso di aver letto bene (prima ho letto e ora penso).  Pensavo di aver letto bene (prima avevo letto, poi avevo pensato)

 

Modo participio

Il modo participio si comporta sia come verbo sia come aggettivo. Ha coniugazione, tempo e numero come un verbo, ma anche genere e numero, come un aggettivo o un nome.

Il participio presente  è di uso raro.= I concorrenti dovranno esibire copia del diploma di laurea. Più comunemente è usato come aggettivo = L’alunno assente. L’alunna assente. Gli alunni e le alunne assenti.

Il participio passato, usato come verbo, esprime un’azione avvenuta prima di quella della reggente, presentandola come già avvenuta e conclusa.

Esempi

Gli amici partiti (azione già conclusa) per le vacanze    tornano (azione presente) nel pomeriggio. La polenta cotta (che è stata cotta) sul fuoco a legna è più saporita. L’albero colpito (che era stato colpito) dal fulmine fu abbattuto.

Il participio passato, usato come aggettivo, concorda col nome cui si riferisce: il pane sfornato, la torta sfornata. Il libro ha le pagine ingiallite.

Osservazioni

  • Il participio unito all’ausiliare Avere rimane quasi più invariato: Luca mi ha riportato il cappello. Lucia mi ha riportato il cappello.
  • Quando si riferisce ad un complemento oggetto che lo precede può concordare con esso o rimanere invariato: Il cappello che ho comprato. La sciarpa che ho comprato/comprata. Gli stivali che ho comprato/comprati.
  • Quando il complemento oggetto precedente è costituito dalle particelle pronominali  lo, la, li, le, è obbligatoria la concordanza. Ho incontrato Luca e l’ho salutato. Ho incontrato Lucia e l’ho salutata. Ho incontrato le mie amiche e le ho salutate. Ho incontrato i miei amici e li ho salutati.

Modo gerundio

Il modo gerundio indica le modalità (di mezzo, di tempo, di causa….) secondo le quali avviene un’altra azione.

Il gerundio è sempre usato nelle proposizioni dipendenti, perché da solo non ha significato.

Il gerundio presente esprime un’azione o un fatto che si svolge in contemporaneità con l’azione della proposizione reggente.

Esempi

  • Camminando (mentre camminavo), mi sentii svenire. Sbagliando ( con lo sbagliare) si impara. E’ diventato celebre giocando (per mezzo del gioco) a pallone. Ancora sorrido pensando (quando penso) allo scherzo.

Il modo gerundio passato esprime un’azione o un fatto che si sono svolti prima dell’azione della proposizione reggente.

Esempi

  • Essendosi spenta (poiché si era spenta) la luce, non vedevamo niente. Essendo stato occupato (poiché ero stato occupato) in ufficio, non potei venire. Essendo giunto a scuola (dopo essere giunto a scuola) ho visto il mio amico.

Vota qui la “Coniugazione verbi”: [yasr_visitor_votes size=”large”]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *